CONSIGLI: 37a giornata Premier League - Daily Fantasy Sports .it

CONSIGLI: 37a giornata Premier League

Il pareggio di domenica all’Old Trafford tra Manchester United e Leicester e il pareggio il giorno dopo tra Chelsea e Tottenham hanno consegnato il titolo alla squadra di Ranieri. Un successo insperato e considerato da tutti improbabile ad inizio stagione, con le Foxes quotate 5000 a 1. Leicester che in questa giornata potrà festeggiare il titolo davanti ai propri tifosi nella sfida contro l’Everton. Tottenham, Arsenal, Manchester City e Manchester United (con una partita in meno) si giocano ancora le posizioni dalla seconda alla quarta, con il West Ham ad un punto dai Red Devils pronto al sorpasso ancora possibile sia ai danni della squadra di Van Gaal sia sui Citizens. In fondo alla classifica Newcastle, Sunderland e Norwich si giocano l’ultimo posto utile per la permanenza in Premier. Qui sotto il calendario completo con l’orario di Londra:

37a Premier

PORTIERI

Lloris (Tottenham) – Portiere meno battuto del campionato e con soli 2 gol subiti nelle ultime 6 partite giocate. L’estremo difensore francese, così come tutta la sua squadra, deve ritrovare la concentrazione per difendere il secondo posto dopo la delusione di lunedì allo Stamford Bridge. Nelle ultime giornate, pur incassando qualche gol, ha sempre portato a casa un discreto bottino di punti grazie al buon numero di parate (2,5 di media).

Adrian (West Ham) – Gli Hammers, autori di una stagione incredibile oscurata solo dal miracolo Leicester, vogliono centrare la qualificazione alla prossima Europa League e in questo turno affrontano lo Swansea di Guidolin che, grazie alla vittoria sul Liverpool domenica scorsa, si è assicurato la salvezza matematica. Adrian nelle ultime due partite è stato determinante con 3 parate a gara e un solo gol subito che hanno permesso alla sua squadra di ottenere 6 punti.

Hennessey (Crystal Palace) – Scelta a basso costo, ma che potrebbe rivelarsi vincente. Ben 29 parate nelle ultime 8 partite giocate e zero gol subiti nelle ultime due gare in casa. Contro lo Stoke, uno dei peggiori attacchi della Premier, e davanti al proprio pubblico, il portiere del Palace potrà sicuramente disputare una buona prestazione per trovare i punti che mancano per la matematica salvezza.


DIFENSORI

Cresswell (West Ham) – Terzino sinistro di quantità con una solida base di punti a partita grazie al numero di palloni riconquistati (6,8) e alla sua spinta in fase offensiva con tiri (10 nelle ultime 10 partite) e passaggi chiave. Come detto in precedenza, gli Hammers devono vincere per difendere la propria posizione e sperare in un sorpasso; al contrario invece la formazione di Guidolin ha raggiunto nello scorso weekend il proprio obiettivo, questo permetterà probabilmente al giocatore inglese di occuparsi meno della fase difensiva.

Rose (Tottenham) – Altro terzino sinistro di spinta e di grande grinta. Ottima la sua media nel recupero palla (7,8) e sempre pronto a sostenere la manovra offensiva con buone rifiniture e qualche tiro. Commette spesso un numero eccessivo di falli, ma ne subisce altrettanti. Anche lui vorrà trovare riscatto dopo il pareggio contro il Chelsea che ha spento le possibilità di arrivare al titolo.

Clyne (Liverpool) – Interessante esterno destro del Liverpool che sta disputando un buon campionato. I Red Devils ospitano il Watford, il terzo peggior attacco del campionato, quindi il giocatore di Klopp potrà dedicarsi maggiormente alla fase offensiva; per lui anche un gol in questa stagione. Positivo inoltre il fatto che, pur essendo un difensore, sia poco falloso (solo 19 in tutto il campionato).

Van Aanholt (Sunderland) – La sua squadra ha bisogno di punti per raggiungere la salvezza e la sfida casalinga contro il Chelsea rappresenta un passaggio fondamentale per il raggiungimento dell’obiettivo. Il difensore del Sunderland ha una media eccezionale grazie anche a 5 gol e 2 assist, un’incredibile media nel recupero palla (9,1) e pochi falli fatti (17 totali).

Daniels (Bournemouth) – Sfida tra due club già salvi che potranno concedere qualcosa in più allo spettacolo. Impegno perciò agevole anche per il difensore dei padroni di casa che potrà esprimere tutte le sue qualità offensive senza troppe pressioni; per lui in questa Premier già 3 gol e 5 assist. Non ha una media top ma, come detto, l’impegno privo di motivazioni può consentirgli di disputare una buona prova.


CENTROCAMPISTI

Mahrez (Leicester) – Eletto miglior giocatore dell’anno in Premier, è uno dei maggiori artefici del successo delle Foxes con ben 17 reti e 11 assist. Sempre al centro delle azioni della squadra di Ranieri, sostiene la manovra in fase di possesso con tiri (2,5 di media) e deliziosi passaggi, ma anche in fase di non possesso da il suo contributo con un consistente numero di palle riconquistate (6,7). In casa contro l’Everton, una delle squadre che concede di più in Premier, e nella prima partita davanti ai proprio tifosi dopo la conquista del titolo, avrà certamente un’ottima occasione per mettersi in mostra.

Lamela (Tottenham) – Con l’assenza di Alli, dovrà assumersi qualche responsabilità e giocare qualche pallone in più. Solo un gol nelle ultime 8 partite ma tanti passaggi utili per i compagni e un crescente impegno in difesa, fase nella quale è migliorato in modo esponenziale in questa stagione. L’impegno casalingo contro il Southampton permetterà al fuoriclasse argentino di mostrare le sue qualità anche in vista della prossima Copa America.

Payet (West Ham) – Come detto sopra, la squadra di Bilic vuole vincere per confermare l’ottima stagione disputata sin qui. Il fantasista francese è il fulcro della manovra degli Hammers e dai suoi piedi passano tutte le azioni più pericolose. E’ in grado di mettere nelle condizioni migliori i suoi compagni e di arrivare facilmente al tiro. Specialista dei calci piazzati, ha già realizzato 9 reti e fornito 11 assist.

Townsend (Newcastle) – I ragazzi di Benitez affrontano l’Aston Villa, retrocesso già da due turni. L’esterno bianconero è in un momento di grazia, escludendo il passo falso contro il Liverpool, e sta trascinando la sua squadra con 3 gol e 2 assist nelle ultime 8 partite. Anche al Villa Park dovrà essere decisivo come nel turno precedente contro il Crystal Palace quando ha realizzato il gol del definitivo 1 a 0.

Ozil (Arsenal) – Difficile rinunciare al fuoriclasse tedesco malgrado l’impegno difficile in trasferta contro il Manchester City. La sconfitta per i Gunners significherebbe essere raggiunti proprio dai Citizens e giocarsi all’ultima giornata il terzo posto in classifica. I ragazzi di Wenger dovranno cercare di sfruttare la loro maggior freschezza e sperare che la squadra di Pellegrini sia ancora sotto shock dopo l’eliminazione dalla Champions. Il numero 11 dell’Arsenal è il miglior assist-man della Premier con ben 18 passaggi decisivi ai compagni e 6 gol.

Mahrez


ATTACCANTI

Vardy (Leicester) – Torna dopo i due turni di squalifica e torna nel giorno della festa per la storica conquista della Premier. L’attaccante inglese, almeno durante i 90 minuti, non penserà tanto ai festeggiamenti, ma cercherà di tornare al gol nel suo stadio e di raggiungere Kane nella classifica marcatori. Sono 22 i gol stagionali fin qui per il centravanti di Ranieri accompagnati anche da 6 assist.

Aguero (Man City) – A riposo nello scorso weekend in vista dell’impegno settimanale a Madrid, tornerà al centro dell’attacco dei Citizens. Nei match importanti non si tira indietro, anzi da il meglio di se, come dimostra l’ultima sfida contro il Chelsea dove ha realizzato una tripletta. Nove le reti nelle ultime 9 partite disputate per il miglior marcatore della squadra di Pellegrini, che ha raggiunto e superato i 100 gol in maglia City proprio contro i Blues.

Carroll (West Ham) – Giocatore in ottima condizione con 5 reti nelle ultime 4 partite e con la possibilità di ripetersi visto l’impegno casalingo contro lo Swansea, una delle peggiori difese del campionato (solo 3 gare chiuse a rete inviolata nelle ultime 10). Il centravanti degli Hammers non viene coinvolto molto nella manovra, ma è sempre una sentenza dentro l’area avversaria e un costante pericolo soprattutto nei palloni alti grazie ai suoi 193cm.

Defoe (Sunderland) – La squadra di Allardyce si affida al suo esperto attaccante e alla sua fame di gol (14 in stagione) per battere il Chelsea e guadagnare punti fondamentali per la salvezza. Giocherà come unica punta con 3 giocatori che agiranno intorno a lui cercando di metterlo nelle migliori condizioni per trovare il gol. Elevata anche la sua media tiri a partita: 3,7.

Appassionato di calcio italiano e internazionale Seguo con molto interesse anche l'NBA

Devi essere loggato per commentare Login

Lascia una risposta