ANALISI GIOCATORE: Marcos Alonso, chiamata allo sprint finale - Daily Fantasy Sports .it

ANALISI GIOCATORE: Marcos Alonso, chiamata allo sprint finale

Il 2016 per la Fiorentina ha portato con sé un sacco di incertezze. Dubbi che hanno spinto piano piano la Viola a perdere la sicurezza che l’ha contraddistinta nel corso di una prima parte di stagione straordinaria tanto dal punto di vista del gioco quanto da quello dei risultati, con inevitabili ripercussioni sui DFS. La società non ha lavorato sulle criticità emerse durate i primi mesi di stagione e le conseguenze si sono sentite, specialmente a livello di ricaduta psicologica su una squadra che lassù ci stava pure bene, ma all’aria di vertice non era abituata.

alonso fiorentina

Uno dei giocatori che ne ha risentito in chiave DFS è il buon vecchio Marcos Alonso, affermatosi a inizio stagione come punto di forza di quasi tutte le squadre vincenti su Fantasfida: con la vecchia Fiorentina e con i vecchi parametri, se lo spagnolo giocava in casa era difficile prescindere da lui. Come detto, i tempi sono poi cambiati per la Viola, e con essi le regole di Fantasfida. Il rendimento minore di tutta la squadra, la riduzione dell’impatto sul gioco dei PC e l’aumento del costo del laterale sinistro, prima acquistabile a una cifra davvero irrisoria, hanno a poco a poco spinto i giocatori a differenziare un po’ le scelte.

Il triste girone di ritorno della Viola ha dunque portato Alonso a essere messo più in discussione quando la Fiorentina gioca lontana dal Franchi, ed è facile capire il perché: gli slot sono due, i gol spostano tantissimo e la squadra di Sousa non è più quella macchina da azioni che era nel girone d’andata. Inoltre, gli stravolgimenti di formazione a cui il tecnico portoghese ci ha abituati, la costanza di difensori come Letizia, Pisano o Acerbi, l’introduzione del nuovo parametro dei TGI e il ritorno in gran forma di Bruno Peres sono tutti elementi che hanno spinto i giocatori a guardarsi attorno. Quando Alonso gioca fuori casa e le alternative sono buone, insomma, lo spagnolo non è più imprescindibile, pur rimanendo un porto sicuro dove approdare quando non ci sono altri nomi che ispirino particolarmente: sempre in doppia cifra nelle ultime 9, comprese le trasferte di Roma, Empoli e Udine dove la Fiorentina non ha raccolto nemmeno un punto. Alonso vi assicura quel punteggio minimo che non vi farà vincere un torneo, ma rappresenta pur sempre una delle poche certezze al momento della costruzione del vostro Sette.

Alonso stats

Chiaramente, tra le mura amiche il discorso cambia: anche in questo caso il rendimento della Viola si è notevolmente ridimensionato, ma Alonso è sempre uno dei giocatori più propositivi. Tocca un sacco di palloni, va al tiro con facilità, il numero di piazzati a sua disposizione cresce e  l’assist o il gol sono ben più di una suggestione. Il tutto per una cifra che ben si sposa con gli attuali budget di Fantasfida: 11,000 crediti circa per avere ottime possibilità di arrivare alle due decine con un difensore. Un investimento che farete sempre volentieri, visto che in casa contro squadre di media e bassa classifica i 20 punti si concretizzeranno molto spesso.

Se dunque Marcos Alonso non è più quel must che per mesi ha spostato gli equilibri dei tornei, per le ultime tre rimarrà comunque una scelta da considerare attentamente. Addirittura obbligata per l’impegno in casa contro il Palermo, una possibile scommessa di giornata contro Chievo e Lazio, partite in cui molto dipenderà dalla giornata della Fiorentina e dalla voglia delle avversarie. Nessuna delle due ha più molto da dire e le partite di fine stagione sono notoriamente “allegre”, motivi per cui potrebbe essere lasciato allo spagnolo qualche metro in più per far girare il proprio sinistro.

Da sempre soffre di una preoccupante passione per calcio e fantacalcio. Quando scopre i Daily Fantasy Sports si rende conto che è arrivato il momento di cambiare dipendenza.

Devi essere loggato per commentare Login

Lascia una risposta