CONSIGLI FANTASFIDA: Champions League 3a Giornata - Mercoledì - Daily Fantasy Sports .it

CONSIGLI FANTASFIDA: Champions League 3a Giornata – Mercoledì

Seconda parte della terza giornata di Champions League. Si parte alle 18.00 con Qarabag – Atletico Madrid, con la squadra di Simeone che parte favorita e deve tenere testa la Chelsea. Proprio i Blues ospitano la Roma in una sfida che da italiani ci interessa particolarmente (in programma alle 20.45). Per lo stesso motivo seguiremo attentamente anche Juventus – Sporting, con i ragazzi di Allegri che vogliono dimenticare le delusioni delle ultime due giornate di campionato. In questo ricco mercoledì saranno impegnate altre quattro big, tra le favorite per la vittoria finale, ovvero PSG, Barcellona, Bayern Monaco e Manchester United. Il torneo di Fantasfida comprenderà le sette sfide delle 20.45.

CONSIGLI FANTASFIDA 3A GIORNATA – MERCOLEDì DI CHAMPIONS

PORTIERI

De Gea (Man United) – Un gol subito nelle prime due partite, ininfluente per il risultato e che non ha rovinato particolarmente il suo punteggio. Ha effettuato otto parate nei precedenti 180 minuti e oggi affronta il Benfica che fin qui ha siglato una sola rete.

Ter Stegen (Barcellona) – I Blaugrana partono nettamente favoriti contro l’Olympiacos. I greci non hanno terminato senza gol la trasferta di qualche settimana fa contro la Juventus e il portiere del Barcellona ha già collezionato due bonus per la rete inviolata.

Courtois (Chelsea) – La partita contro la Roma sarà delicata, ma il portierone belga è difficilmente superabile e ha già effettuato sei parate in questa edizione di Champions.

DIFENSORI

Alex Sandro (Juventus) – Ha riposato in campionato dopo l’impegno con la nazionale brasiliana ed è quindi pronto per la sfida ad una squadra che conosce piuttosto bene, avendo giocato nel Porto prima di approdare a Torino. Ottima la sua prova contro l’Olympiacos, quando ha ottenuto un punteggio top, merito soprattutto di tre passaggi chiave e quattro palloni riconquistati.

Alaba (Bayern) – Il difensore del Bayern è il più costoso del torneo, ma la sua qualità e l’impegno agevole contro il Celtic invoglia a investire su di lui. Una sola presenza in questa Champions, nella sfortunata serata di Parigi, dove è comunque riuscito a servire tre passaggi chiave. Contro gli scozzesi saprà rendersi pericoloso e raccogliere un buon punteggio.

Alonso (Chelsea) – Ancora un esterno mancino e lo spagnolo come ben sappiamo gioca in posizione più avanzata, sulla linea dei centrocampisti. Uno degli uomini chiave nello scacchiere di Conte che raramente lo fa riposare. Pericoloso in fase offensiva con assist (vedi finale di gara contro l’Atletico) e conclusioni personali, utilissimo in copertura come confermano i 15 palloni riconquistati nelle prime due partite del girone.

Riversos (Basilea) – Anche l’esterno della formazione svizzera agisce sulla linea mediana del campo, con la possibilità di concentrarsi maggiormente sulla fase offensiva. Nell’ultima partita, contro il Benfica, è subentrato negli ultimi 22 minuti e ha realizzato la rete del definitivo 5 a 0. Inoltre il giocatore del Basilea costa davvero poco (6840 crediti) e questo può essere decisivo in un torneo dove sono presenti molti top player piuttosto cari.

Semedo (Barcellona) – Ci spostiamo sulla fascia opposta (quella destra) con un terzino particolarmente offensivo che siamo certi accompagnerà parecchio l’azione offensiva dei catalani. Attento però anche in copertura, come ha dimostrato nelle precedenti due partite in campo europeo con undici palloni recuperati.

Alonso

CENTROCAMPISTI

Hazard (Chelsea) – Implacabile nella sfida di Madrid contro l’Atletico, con un assist e ben sei passaggi chiave. Agirà come sempre nel tridente offensive e metterò sicuramente in difficoltà la retroguardia giallorossa con la sua rapidità e la sua tecnica.

Mkhitaryan (Man United) – Mourinho sembra non poter più fare a meno del suo numero 22 alle spalle della prima punta. In rete contro il CSKA e autore di una buona prestazione anche nella prima giornata. I Red Devils partono nettamente favoriti contro il Benfica che ha incassato sette reti nelle prime due partite del girone.

Kimmich (Bayern) – Erede naturale di Lahm, gioca da terzino ma è sempre al centro della manovra e sa anche farsi trovare pronto in fase offensiva. Malgrado la pesante sconfitta con il PSG, in Champions ha una media di 18 punti, merito dell’eccellente prova contro l’Anderlecht con un gol e un assist.

Elyounoussi (Basilea) – Dovrebbe giocare quasi certamente nel tridente offensivo e questo gli potrà permettere di cercare con più facilità il tiro in porta (tre nelle prime due partite). Gli svizzeri riescono a creare molte occasioni e fin qui hanno realizzato cinque reti e il CSKA, avversario di oggi, ne ha incassati altrettanti nelle prime due partite del girone.

Golovin (CSKA) – Proprio nella formazione russa segnaliamo il giovane centrocampista con il numero 21 che ha una media di 19 punti, merito di un assist, sei tiri, sette passaggi chiave e 16 palloni riconquistati.

ATTACCANTI

Messi (Barcellona) – Impossibile fare a meno del fenomeno argentino. Soprattutto è difficile non sceglierlo quando sfida una squadra sulla carta molto inferiore al Barcellona. L’Olympiacos ha perso le prime due partite del girone subendo cinque reti. Il capitano blaugrana ha realizzato una doppietta nella precedente gara giocata al Camp Nou in Champions, contro la Juventus.

Dybala (Juventus) – Due rigori sbagliati nelle ultime partite di Serie A, ancora a secco in Champions League, questo potrebbe portare a non schierare il numero 10 bianconero, ma l’argentino avrà una voglia matta di riscattarsi. Nelle prime due partite del girone si è comunque comportato molto bene, come confermano gli 11 tiri e gli 8 passaggi chiave.

Lukaku (Man United) – Il belga, punto di riferimento dell’attacco dello United, ha già segnato tre reti in questa edizione di Champions e oggi si troverà davanti una delle peggiori difese dell’avvio del torneo europeo. Il Benfica infatti ha perso i primi due match incassando sette gol.

Lewandowski (Bayern) – Il polacco è on fire: un gol nella prima gara di Champions, nove in Bundesliga e quattro nelle ultime due gare con la nazionale. Un suicidio non sceglierlo in un turno agevole come quello di oggi, in casa contro il Celtic (che ha incassato 5 reti dal PSG nella prima partita del girone).

Neymar (PSG) – Il brasiliano ha iniziato nel modo migliore la sua avventura in Champions League con la maglia del Paris Saint-Germain, siglando due gol e fornendo due assist nelle prime due gare vinte dalla squadra di Emery. La partita in Belgio contro l’Anderlecht non dovrebbe rappresentare un grosso ostacolo per i parigini.

Lewandowski

Appassionato di calcio italiano e internazionale Seguo con molto interesse anche l'NBA

Devi essere loggato per commentare Login