RISULTATI FANTASFIDA: 25a giornata Premier Top e Flop - Daily Fantasy Sports .it

RISULTATI FANTASFIDA: 25a giornata Premier Top e Flop

“Yes, we can” è la frase che probabilmente Ranieri ha detto ai suoi giocatori dopo l’impresa contro il Manchester City all’Emirates. Con questa vittoria (1-3) il Leicester non solo batte uno dei principali rivali ma allontana ancora di più i secondi in classifica che ora si trovano a 5 punti. Arsenal e Tottenham vincono rispettivamente contro Bournemouth e Watford e scavalcano al secondo posto la squadra di Pellegrini. L’atteso posticipo della domenica tra Chelsea e Manchester United termina 1-1 con i blues che agguantano il pareggio al 91′ grazie al solito Diego Costa. Si suicida invece il Liverpool che si fa rimontare due reti dal Sunderland ed è costretto ad un’altra battuta d’arresto nelle mura amiche di Anfield. Vincono in casa l’Aston Villa (2-0 contro il Norwich) e il Southampton (1-0 contro il West Ham). Importante vittoria esterna per l’Everton contro lo Stoke, mentre lo Swansea di Guidolin trova il quarto risultato utile consecutivo dopo l’arrivo del tecnico italiano pareggiando in casa per 1 a 1 contro il Crystal Palace.

Clevergreen” trova il successo nel torneo Goal save the Queen grazie soprattutto alle ottime prestazioni dei suoi difensori e alle reti di Sigurdsson e Firmino.

Premier 25a

I TOP E I FLOP

PORTIERI

Anche in Premier in questa giornata a fare la differenza per i portieri è il bonus rete inviolata e Hart anche in questo turno risulta tra i peggiori a causa della pesante sconfitta del City.

TOP

Cech 16: si è trasferito all’Arsenal per poter giocare, per sentirsi importante e per poter essere decisivo per la sua squadra e in questa partita lo dimostra tenendo la sua porta inviolata con 4 parate.
Bunn 12: da il suo contributo per la vittoria dell’Aston Villa con 3 parate.
Courtois 9: nonostante il gol subito riesce a compiere 6 interventi nel match clou di questo turno.
Lloris e Elliot 6: entrano in campo ma praticamente non sporcano i guanti, sfruttano però i 6 punti bonus.

FLOP

Mignolet -6: due gol presi dal Sunderland e nessun intervento, il belga è il peggiore della giornata.
Butland -4: tre parate non servono a rimediare il punteggio negativo dei tre gol subiti e un fallo commesso.
Rudd -4: una sola parata durante la partita non aiuta a cancellare i due gol incassati e un punteggio sotto lo zero.
Hart -1: è incolpevole nei primi due gol del Leicester ma nel terzo poteva fare meglio, si riscatta con 4 interventi e contiene così il punteggio passivo.
Fabianski 0: una parata e un fallo subito annullano il punteggio del gol subito.
Boruc 0: si trova contro Ozil e compagni ed è costretto a raccogliere la palla dentro la sua porta per due volte ma compie comunque tre buone parate.

DIFENSORI

Ben quattro difensori trovano il gol ma il migliore è senza dubbio il centrale tedesco del Leicester. Partita decisamente deludente per i giocatori del Chelsea che in molti casi non riescono a fermare gli attacchi dello United e si devono affidare alle parate del loro portiere.

TOP

Huth 42: una doppietta che non dimenticherà facilmente e che trascina i ragazzi di Ranieri alla vittoria sui Citizens. Non solo i gol nella sua incredibile partita ma anche un’importante presenza in fase difensiva con 4 palle recuperate e 3 tiri gol intercettati.
Trippier 30: prima rete in Premier della sua carriera, decisiva per la vittoria del Tottenham e accompagnata tra le altre cose da 6 palloni recuperati e il bonus per la difesa perfetta.
Dann 22: gonfia la rete anche questa giornata e in più ottiene il bonus per il gol su punizione, solita partita di spinta per il terzino del Crystal Palace.
Lescott 22: sblocca la partita del Villa Park con la specialità della casa, il colpo di testa.
Van Aanholt 17: prestazione molto attenta in difesa con un tiro gol intercettato e ben 9 palle recuperate.

FLOP

Cahill 1: è vero che entra al 59′ ma è presente in area in modo ininfluente nell’azione del gol subito dai blues. Per lui solo un pallone recuperato.
McAuley 3: partita macchiata da un giallo per il difensore del WBA.
Taylor 4: cinque palle recuperate ma un fallo commesso.
Zouma 5: lascia il campo per infortunio, con lui in campo il risultato era bloccato sullo 0-0.
A. Moreno 6: due falli fatti e un’ammonizione rimediata nel finale disastroso del Liverpool.
Azpilicueta 6: dopo i due centrali anche il terzino del Chelsea si iscrive nel tabellino dei flop con poche giocate da segnalare.

CENTROCAMPISTI

Trequartisti si, trequartisti no. Vengono schierati per fare la differenza e per impreziosire la fase offensiva con giocate e gol ma quando si imbattono in una giornata storta scivolano facilmente tra i flop. Tra i peggiori spicca la presenza di quasi tutti i centrocampisti della squadra di Hiddink.

TOP

Sigurdsson 35: ancora in gol l’Islandese dello Swansea con un bel gol su punizione che gli permette di avere l’ulteriore bonus di 2 punti ma che sfortunatamente porta un solo punto alla squadra di Guidolin.
Ozil 30: ritrova il gol dopo numerose giornate di digiuno il fuoriclasse tedesco che conclude nel modo migliore un’azione tutta in velocità dei Gunners. Presente anche in fase di non possesso con 11 palloni recuperati.
Eriksen 26: il danese non trova il gol ma come sempre è il fulcro della manovra del Tottenham, distribuisce 8 passaggi chiave oltre a quattro tiri verso la porta avversaria.
Lingard 24: secondo gol in cinque giorni per il gioiellino dei Red Devils che si impegna sia in attacco sia in difesa, recuperando 6 palloni.
Mahrez 23: un gran gol all’inizio del secondo tempo contro il Manchester City e un assist per il primo gol di Huth.

FLOP

Flamini 2: ci ha abituati alla sua presenza tra i flop della Premier a causa dei suoi interventi spesso al limite che in questo caso gli costano un cartellino giallo.
Matic e Oscar 6: come detto tra i peggiori della giornata troviamo i centrocampisti del Chelsea, i quali oltre a qualche palla recuperata sono poco influenti in attacco e sono costretti a commettere falli che rendono la loro prova nel complesso mediocre e al di sotto delle attese.
Hazard 7: il belga sembra essere un lontano parente del giocatore che l’anno scorso faceva impazzire i difensori avversari e anche in questa partita risulta poco incisivo.
Fellaini 7: gioca sino al 79′ ma non fa molto per evidenziare la sua presenza in campo. Forse si nota solo per la celebre chioma!

ATTACCANTI

Nella giornata dove il capocannoniere della Premier rimane a secco non esplode nessun centravanti ma troviamo molti giocatori con ottimi punteggi. Deludono particolarmente i due attaccanti italiani che militano in Inghilterra e la punta della nazionale britannica.

TOP

Lukaku 30: il suo Everton ottiene un’importante vittoria in casa dello Stoke e lui è presente in tutte le azioni offensive con tiri e passaggi chiave oltre a realizzare il rigore che sblocca il risultato all’11’ minuto.
Firmino 28: illude i tifosi dei Reds con un gol e un assist che sembravano poter assicurare la vittoria e i tre punti alla squadra di Klopp.
Aguero 25: trova la rete nel finale ma purtroppo per il City serve solo per il suo punteggio e non cambia l’esito finale del match contro il Leicester.
Diego Costa 22: è sempre l’ultimo ad arrendersi e lo dimostra anche in questa partita con il gol al 91′.
Mitrovic 19: importantissima vittoria per il Newcastle grazie alla sua rete nel primo tempo.
Rooney 18: quando non segna fa segnare (assist quasi involontario) ed è comunque sempre il punto di riferimento della sua squadra.

FLOP

Paloschi 0: alla sua prima partita da titolare si fa notare soprattutto per due falli commessi e non incide in fase offensiva.
Pellè 1: stessi falli commessi per l’attaccante del Southampton che non trova il bersaglio nelle due conclusioni verso la porta avversaria.
Long 2: compagno di reparto di Pellé, è autore di un match falloso, ben quattro falli fischiati contro, e anche lui poco determinante nella metà campo offensiva.
Ighalo 2: si ferma il Watford e si ferma anche lui davanti alla difesa del Tottenham.
Kane 7: ci si aspettava molto da lui visto che era impegnato in casa contro una squadra che concede molto agli attaccanti avversari soprattutto in trasferta. Solo due tiri, uno in porta, e un passaggio chiave in tutta la partita.
Martial 7: dopo il bellissimo gol in settimana contro lo Stoke rimane a secco trovando la conclusione verso la porta solo due volte.

 

 

Appassionato di calcio italiano e internazionale Seguo con molto interesse anche l'NBA

Devi essere loggato per commentare Login

Lascia una risposta