Legalità dei Daily Fantasy Sports in discussione in USA - Daily Fantasy Sports .it

Legalità dei Daily Fantasy Sports in discussione in USA

Congressman Frank Pallone

Congressman Frank Pallone

C’è un’alta possibilità che gli operatori di Daily Fantasy Sports possano andare incontro a problemi nell’immediato futuro in USA.
Sembra infatti che l’imponente campagna pubblicitaria dei DFS intrapresa durante la prima giornata di National Football League abbia attirato l’attenzione del membro del congresso del New Jersey Frank Pallone che ne ha messo in discussione la legalità e ne ha richiesto una revisione.

Sarebbe un duro colpo per i fans dei Daily Fantasy Sports se gli USA decidessero di renderli illegali, proprio ora che si stavano abituando all’eccitazione di sentirsi parte di una fanta-formazione e di poter vincere tifando i propri giocatori.
Memori di ciò che successe il 15 aprile 2011 col Black Friday nel mondo del poker, giorno in cui il Dipartimento di Giustizia sequestrò i tre siti dominanti del panorama americano (PokerStars, FullTilt, Absolute), non ci sarebbe da stupirsi se venissero banditi anche i DFS.

In realtà Pallone non è contrario, bensì risentito. Di recente aveva provato a legalizzare il betting sportivo nei casino e negli ippodromi del New Jersey, ma il tentativo era fallito. Non ci si sorprende quindi di questa sua richiesta di mettere in discussione la legalità dei Fantasy Sports Games.

Ricordiamo che in USA scommettere sugli sport è illegale dal 1992, quando fu emanato il Professional and Amateur Sports Protection Act (PASPA), tranne che negli stati che lo permettevano prima dell’uscita della legge. L’Unlawful Internet Gaming Enforcement Act (UIGEA) ha proibito le scommesse sportive online, ma i Fantasy Sports sono rimasti legali grazie ad un cavillo che protegge i “giochi di skill“.

“Chiunque abbia guardato una partita questo weekend è stato inondato da pubblicità di siti di fantasy sports ed è stata solo la prima giornata di NFL. Questi siti sono enormemente popolari, puntano dritto ai fan e le leghe professionistiche ne stanno traendo ingenti profitti” ha dichiarato Pallone.

“Sebbene questi siti (es. DraftKing e FanDuel) siano ormai estremamente conosciuti, non tutto è cristallino quando si tratta di legalità e le loro attività vanno riviste. Ai giocatori è consentito rischiare denaro sulle performance di giocatori individuali, che differenza c’è dallo scommettere soldi sul risultato di una partita?” ha chiesto Pallone.

Il congressman del NJ non è stato l’unico a mettere in discussione la legalità dei DFS, anche gli esperti di gambling e Jim Leach, ex membro del congresso dell’Iowa che ha autorizzato l’UIGEA, ne avevano richiesto una revisione.

DraftKings e FanDuel hanno chiuso partnerships con squadre professionistiche e leghe (MLB e NBA) e network televisivi (SKY), sono state valutate più di un miliardo di dollari e hanno investitori che hanno dato milioni di dollari per supportarle. E’ normale che quindi si voglia fare chiarezza su questi rapporti.

Personalmente crediamo che non abbia tutti i torti per quanto riguarda la diversità di trattamento tra scommesse sportive e Daily Fantasy Sports e speriamo che nel caso venga legalizzato il betting e non banditi i DFS.

Se si giungesse ad una decisione drastica e venissero banditi sarebbe un grosso colpo per il movimento dei DFS, ma anche per le casse del governo USA che guadagna enormi cifre grazie a queste attività. Non ci resta che attendere.

Dopo una carriera come Professional Poker Player dal 2008 al 2015, si è appassionato da subito ai Daily Fantasy Sports e ha aperto questo portale di informazione. Tra i suoi risultati la vittoria della prima edizione del FantasticaSfida nel Settembre 2015.

Devi essere loggato per commentare Login

Lascia una risposta