STRATEGIA: Il concetto di rotazione - Daily Fantasy Sports .it

STRATEGIA: Il concetto di rotazione

Tra le tecniche di base per chi si approccia ai Daily Fantasy Sports è importante capire il concetto di rotazione. Andiamo a vedere perché assimilare questa strategia sia fondamentale per diventare dei giocatori vincenti.

Innanzitutto bisogna capire cosa significa ruotare i giocatori di una formazione nei DFS: il concetto è abbastanza elementare, si scelgono più giocatori per ogni ruolo (se parliamo di calcio) o più piloti (se si parla di motori) e si cerca di farli ruotare nelle proprie formazioni per ottenere più combinazioni possibili. Scelti dei giocatori, un esempio di tale metodo è riportato nell’immagine seguente realizzato con excel.

Esempio di rotazione nei Daily Fantasy Sports

Esempio di rotazione nei Daily Fantasy Sports

Nelle prime due colonne è rappresentata la partita che disputerà il giocatore da voi scelto e in grassetto la squadra di appartenenza. Nella terza e quarta colonna vengono riportati rispettivamente il nome e il costo. Nelle colonne successive la sua presenza nella determinata formazione attraverso una X. La lettura della formazione sarà verticale, la prima formazione vedrà ad esempio: Buffon, Letizia, Antonelli, Bonaventura, Correa, Dybala e Bacca.

Tale esempio è riferito ad uno schieramento tipico di Fantasfida che permette di schierare 7 giocatori, ma il discorso si può benissimo estendere con gli opportuni accorgimenti a Fantasyteam, Fantamister, Mastergol e Mondogol, che permettono di schierare 11 giocatori (nulla esclude di applicare tale concetto ai tornei di formula 1, motoGP e in futuro di altri sport).

Due sono i vincoli imposti dalle rotazioni:

  • se i giocatori da fare ruotare sono troppi non sarà possibile far tutte le combinazioni delle lineup, in quanto ad ogni torneo un fantallenatore può iscrivere un tetto massimo di squadre (solitamente max 10 o 15);
  • scelte le combinazioni da far ruotare non è detto che tutte siano schierabili, in quanto la somma dei costi dei cartellini dei giocatori potrebbe essere talmente elevata da non permettere di rispettare il budget messo a disposizione per un determinato torneo.

Nella scelta dei giocatori da far ruotare è necessario introdurre un altro concetto, quello di “esposizione“. Se scegliamo un giocatore che consideriamo molto affidabile a livello di punteggio (dati alcuni fattori come la modestia degli avversari o il buon momento di forma del giocatore stesso) sarà corretto farlo ruotare in parecchie delle nostre formazioni, esponendoci molto su di lui, dato che l’esito del nostro torneo dipenderà strettamente dalla sua prestazione. Attenzione quindi a non inserirlo in tutte le formazioni (esposizione del 100%), perché se dovesse floppare la vostra giornata sarà disastrosa. Quindi, ad esempio, se decidete di fare 10 formazioni e vorreste puntare su un attaccante di razza perché gioca contro l’ultima in classifica, mettetelo in otto schieramenti ma in due evitatelo, perché nel peggiore dei casi vi restano comunque due formazioni con una rotazione che non comprende un flop di giornata (che era atteso però come top!). Giocatori che, invece, possono fare l’exploit ma non sono così affidabili, vanno fatti ruotare in meno formazioni (esposizione minore).

Lo schema dell’immagine precedente aiuta ad avere immediatamente ben chiara l’esposizione che si ha su un giocatore (numero di X). Nell’esempio si era deciso di puntare molto su Bonaventura (in 6 formazioni su 10) e tentare il colpaccio con Inglese (in 2 su 10 formazioni).

E’ importante capire perché ruotare più squadre sia fondamentale. Con una sola formazione, in un torneo in cui c’è un numero elevato di iscritti, le possibilità di conquistare la zona premi sono molto più basse rispetto a quelle date dalla somma degli schieramenti prodotti dalle rotazioni. Spesso una di queste formazioni andrà a premio recuperando il budget speso ed avrete molte più probabilità di piazzarvi nelle prime posizioni.

Se da un lato aumentano le chance di vittoria, dall’altro aumentano i costi, quindi sarà opportuno trovare il giusto trade-off tra il budget (denaro reale) a disposizione dell’utente e il numero di combinazioni che si vuole utilizzare.

A conferma dell’importanza del concetto di rotazione ci sono i dati raccolti su un ampio campione di utenti nella prima stagione di DFS, i quali ci confermano che i più vincenti sono coloro i quali usano ruotare più squadre in un solo torneo.

Leggi anche:

Appassionato degli sport in generale e fanatico dei Daily Fantasy Sports. Esperto di serie B e Liga Spagnola, alla scoperta della Major League Soccer.

Devi essere loggato per commentare Login